HOME PAGE
CRONOLOGIA

DA 20 MILIARDI
ALL' 1  A.C.
DA 1 D.C. AL 2000
ANNO x  ANNO
PERIODI STORICI
E TEMATICI
PERSONAGGI
E PAESI

ANNO 1866 134 ANNI FA 

L'ARMISTIZIO
DI CORMONS 

ARMISTIZIO DI CORMONS

Cormons, addì 12 agosto 1866

Conchiusa fra i commissarii militari del Regio Esercito Italiano ed il I.R. Esercito austriaco al giorno d'oggi.
In seguito all'effettuato sgombro del Tirolo meridionale e di alcuni luoghi della contea di GorizIa per parte delle truppe italiane i due commissari stabiliscono quanto segue salva la superiore ratificazione:
L'armistizio comincerà col giorno 13 agosto alle ore 12 meridiane e durerà quattro settimane, vale a dire, fino al 9 settembre. Le ostilità non potranno ricominciare che mediante un preavviso di giorni 10. In difetto di preavviso l'armistizio s'intenderà prolungato.
I limiti dei territori occupati dalle truppe saranno per la durata dell'armistizio i seguenti, cioè:

per le truppe austriache:

a) L'attuale confine Lombardo-Veneto dal Lago di Garda al Pò.
b) Il Pò fino ad un chilometro al di sotto d'Ostiglia e di la una linea retta fino a 7 chilometri e mezzo, al di sotto di Legnago sull'Adige presso Villa Bartolomea.
c) Il prolungamento della detta linea fino alla Fratta, la sponda destra di questo corso d'acqua sino a Pavarano, di là una linea che per Lobia va al confluente del Chiampo nell'Alpone: indi la sponda destra di questo ultimo fino alla cima Tre Croci al confine politico.
d) Il confine politico dallo sbocco del fiume Aussa in Porto Buso fino presso Villa, indi un perimetro di 7 chilometri e mezzo intorno alle opere esterne di Palmanova, il quale cominciando a Villa, e passando tra Gonars e Morsano termina a Percotto Torre, la sponda sinistra del torrente Torre fino a Tarcento, e di là per Prato Magnano a Salt fra Oropo e GEmona.
Al Tagliamento, la sponda sinistra del Tagliamento sino al piede del Monte Cretci, ed il dorso dei monti che separano le valli di San Pietro e di Gorto fino al Monte Coglians sul confine politico.
e) Intorno al forte Malghera un perimetro di 7 chilometri e mezzo. Il Governo italiano è in facoltà di valersi della parte della ferrovia da Padova a Treviso compresa in tale perimetro.
f) Lo stesso perimetro di 7 chilometri e mezzo intorno alle altre opere di fortificazioni esterne di Venezia. Nelle località alle quali non si estendono uno di questi perimetri, la laguna, e se esistono canali esterni in prossimità di questi, la sponda interna dei canali stessi.
Il forte di Cavanella d'Adige non sarà occupato né dall'una né dall'altra truppa.

Per le truppe italiane:

g) I limiti di tutte le parti del Veneto che non sono occupate dalle truppe austriache.

L'approvvigionamento di Venezia, sarà libero.

L'accesso ne' territori riservati alle truppe austriache è interdetto alle truppe regie ed ai volontari italiani. Egualmente alle truppe imperiali ed ai volontari austriaci è interdetto l'accesso ne' territori riservati alle truppe italiane.
E' però fatta facoltà agli ufficiali di un esercito di attraversare per ragioni di servizio il territorio riservato all'altro, mediante scambievole accompagnamento.

Si farà il reciproco scambio dei prigionieri; l'Italia li consegnerà in Peschiera e l'Austria in Udine.

Gli impiegati italiani che si trovano nei territori occupati dalle I.R. truppe non saranno molestati, e non lo saranno reciprocamente gl'impiegati militari austriaci in ritiro, che si trovano nei territori occupati dalle truppe italiane.

E' ammesso il ritorno degli internati d'ambo le parti: però non potranno entrare nelle fortezze occupate dalle truppe del Governo dal quale furono internati.

Cormons, addì 12 agosto 1866

in casa del Podestà Signor Maggiore
Conte Thurn

CARLO MOERING                                                  A. PETITTI
Generale Maggiore                                                     Generale

"1866: LA GRANDE TRUFFA"  
Il plebiscito di annessione del Veneto all'Italia" 
di ETTORE BEGGIATO -   
Editoria Universitaria Venezia, 1999

PER I FATTI VEDI ANNO 1866

ALLA PAGINA PRECEDENTE

HOME PAGE CRONOLOGIA